Quartiere Macrolotto Zero, Mercato Coperto

Mercato coperto

Quella del Macrolotto Zero è la terza area pilota di Prato Urban Jungle.  L'intervento di Prato Urban Jungle sarà realizzato nel Mercato Coperto e si inserirà all'interno di un piano ancora più ampio di riqualificazione del quartiere portato avanti dall'amministrazione comunale tramite l’implementazione di servizi e la creazione di nuovi edifici e spazi pubblici per lo studio, l'incontro, il commercio e per attività all'aperto. Nello storico quartiere della città caratterizzato da spazi sottoutilizzati, è in corso il completamento del progetto PIU di riqualificazione urbana finanziato dal FESR per le aree urbane, culturali e innovazione sociale.

Il progetto

Nel Macrolotto Zero sarà realizzato un Mercato cittadino, le cui facciate saranno ricoperte di piante e la cui aria sarà depurata dalla più grande Fabbrica dell’Aria mai realizzata. Si potranno consumare prodotti locali e godere dei benefici di uno spazio rigenerato dalle piante. Grazie alle piante, porteremo nell’ex area industriale qualità dell’aria, socialità e valore.” Il progetto per il Mercato cittadino nel Macrolotto Zero si articola in diversi interventi di plant-based solutions. Le superfici esterne dell’ex capannone industriale saranno ricoperte di piante gestite con tecnologie a bassa manutenzione, e gli spazi aperti verranno rinaturalizzati. Questi interventi genereranno benefici in termini di regolazione del microclima ambientale, mitigazione della temperatura, qualità dell’aria, isolamento termico e acustico e regimentazione delle acque piovane. La riconversione dell’ex capannone industriale in cui è stato creato il mercato sarà un modello di riutilizzo del patrimonio industriale dismesso di Prato. Le piante saranno il fulcro tecnologico e vitale dello spazio, il primo esempio pratese di design biofilico altamente innovativo. Gli spazi interni ospiteranno un mercato di prodotti agricoli locali e una grande Fabbrica dell’Aria, un sistema ideato e sviluppato da PNAT per rimuovere completamente gli inquinanti dell’aria attraverso le piante. In questo modo l’intero edificio godrà di un ambiente salubre e confortevole: tra ficus, kentia, monstere e strelizie rigogliose, si potranno acquistare ortaggi coltivati a km 0, consumare cibi locali e trascorrere del tempo in una vera e propria Giungla Urbana, godendo dei benefici psico-fisici di una piena immersione nella natura.

 

Seguici su    logo facebook​​   logo instagram   logo twitter​​​​   

 

Aiutaci a migliorare il sito. Valuta questa pagina